Questi comportamenti che fanno di noi degli ambientalisti

Version française
Tante persone si lamentano delle difficoltà di vivere “green”. Secondo loro, questo stile di vita richiede tanti sforzi ed è complicato. In realtà, secondo me, siamo tutti un po’ green. Alcuni dei nostri comportamenti, come spegnere la luce quando si esce da una stanza, sono comportamenti “green” ma in realtà hanno un secondo fine.

Analizzando alcuni dei miei comportamenti “green”, mi sono resa conto che non sono sempre animata da una convinzione ambientalista ma influenzata ad altri fattori esterni molto più “impattanti”.

Ecco 6 azioni che “spaccio” per ambientaliste ma che in realtà nascondono altre motivazioni.

1-   Spostarmi in bicicletta: in città amo muovermi in bici. Soprattutto a Milano che si presta molto (ha meno saliscendi di Marsiglia!). Devo essere, però, sincera. Non vado in bici solo per diminuire le mie emissioni di CO2…Eh no! Mi dico che usando la bici, risparmio sulla palestra e sul biglietto dei mezzi. Siamo d’accordo è più glamour dire che pedalo per proteggere l’ambiente !

2-   Non prendere l’ascensore: per risparmiare elettricità…Humm in realtà, per me, è lo stesso che per la bici. Lo faccio per i miei glutei! Ok non è la ricetta magica per un fondo schiena perfetto ma è già un inizio. Un bisogno superficiale (passare la prova bikini) permette di diminuire la fattura d’elettricità del condomino e le sue emissioni di CO2, non male!

3-   Comprare indumenti di seconda mano: per certo periodo ho comprato vestiti usati (immagino la reazione di alcune persone leggendo questa frase…) Praticavo questa modalità di acquisto “alternativa” non per l’ambiente ma per seguire una moda. Eh oui…il vantaggio è che per un po’ ero alla moda e non ho comprato niente “made in China”.

4-   Mettere il mio armadio a dieta: un concetto che mi ha da subito conquistato! Rinunciare agli acquisti compulsivi, ripensare il proprio guardaroba per capire quanti vestiti possediamo e rendersi veramente conto dei nostri bisogni. Che bello! Non ci voleva nient’altro per sedurmi. In realtà, la ragione nascosta è che il mio conto è al verde. Anche lui! E’, comunque, molto più chic e nobile dire alle amiche che rinuncio ai saldi perché non voglio partecipare al consumismo eccessivo. Il secondo vantaggio, che si ottiene solo con pazienza e sacrifici, è che grazie a questo comportamento il mio conto in banca sta molto meglio.

5-   Non mettere sistematicamente a lavare una t-shirt usata nella giornata: questo punto è difficile da condividere sul web…va bene prendo il mio coraggio e lo scrivo…Metto più volte lo stesso indumento prima di lavarlo (tranne l’intimo e in caso di macchie o odore). E’ meglio dire che risparmio sull’acqua piuttosto che corrispondere al cliché della francese sporca.

6-   Non cucinare troppo per non sprecare: cucino piccole porzioni perché altrimenti mangerei tutto quello che ho cucinato! Penso di più alla mia linea che all’ambiente in fin dei conti.

Questi esempi, che ho voluto divertenti, mi fanno pensare che alla fine siamo tutti un po’ green. Più che motivati da un sentimento ambientalista, realizziamo tutti azioni di buon senso che, secondo me, vanno incoraggiate.

Perché se ognuno fa un po’, possiamo fare la differenza.

E voi, quali sono le azioni che potete“spacciare” come green?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...